Might & Magic Heroes VI

Per la serie “squadra che vince non si cambia”, eccoci arrivati al sesto capitolo di un titolo che negli anni ha fatto divertire e ha intrattenuto gli amanti degli strategici a turni con componenti RPG. È il lontano 1985 quando viene creata la serie Heroes of Might and Magic dalla allora New World Computing. Quando New World Computing fu acquisita da 3DO Company, la saga continuò il suo percorso e di nuovo, quando 3DO chiuse i battenti, i relativi diritti passarono a Ubisoft che, per la gioia degli estimatori del genere, continua ancora oggi a portare avanti la tradizione.

In Might & Magic Heroes VI, l’interfaccia del gioco ha subito i naturali passaggi di restyling nel corso del tempo, ma la sua base è rimasta invariata. Avremo accesso alla schermata dei nostri eroi dovremo osserveremo il loro equipaggiamento mano a mano che, sconfiggendo avversari sempre più potenti, diverrà sempre più variegato e ci permetterà di acquisire nuove abilità e nuovi incantesimi da utilizzare sui campi di battaglia per affrontare nemici sempre agguerriti. La gestione delle città e delle risorse è stata snellita, ma, in realtà, non avrebbe guastato una maggiore profondità di questi aspetti del gioco per rendere più completa e appagante l’esperienza complessiva.

Anche le battaglie, seppur piacevoli, avrebbero potuto implementare una componente tattica un po’ più evoluta, secondo i più classici schemi dei giochi di ruolo. Ad esempio, la protezione dei nostri curatori sarà garantita solo da loro stessi ed essendo questi il bersaglio preferito dei nostri avversari, vista la loro debolezza nel corpo a corpo, converrà sempre  organizzarli in gruppi separati per poter avere maggiori possibilità di prendersi cura della salute delle nostre armate.

Come ormai d’abitudine, ogni sette turni sarà trascorsa una settimana nel mondo di gioco e potremo così ottenere le nuove risorse, assoldare nuovi mercenari e sfruttare i bonus offerti di volta in volta. Consigliamo sempre, visto che il gioco ce ne dà l’opportunità, di salvare diverse posizioni durante la partita, perché, a volte, una nostra scelta non ottimale potrà portare a conseguenze disastrose, magari non permettendoci di avanzare se non con grandi difficoltà.

Durante l’esplorazione del territorio, avremo l’opportunità di scontrarci con varie creature che, una volta affrontate, ci faranno ottenere particolari oggetti; potremo anche incappare in luoghi che ci permetteranno di incrementare le caratteristiche del nostro eroe e di ottenere bonus temporanei, ad esempio riguardanti i movimenti. A ogni passaggio di livello, poi, sceglieremo, da un albero di talenti, le caratteristiche da incrementare nel nostro alter ego, divenendo man mano più forti. La quantità di oggetti, abilità, incantesimi a disposizione è davvero molto elevata, anche se non è propriamente semplice intuire quale scelta potrebbe essere migliore rispetto ad un’altra.

La fase degli assedi viene gestita in modo piuttosto funzionale da una catapulta che agisce automaticamente e che abbatterà le mura con i suoi massi. Se volessimo velocizzare l’operazione, potremmo attaccare personalmente le fortificazioni, oppure, se ci stiamo difendendo, avremmo la facoltà di passare all’attacco, facendo uscire le armate dalle porte principali!

La grafica è migliorata sotto diversi aspetti, rispetto ai precedenti capitoli. Durante le esplorazioni del mondo, infatti, sarà piacevole osservare i piccoli dettagli aggiunti agli scenari per rendere più variegato e credibile il mondo che ci circonda. Anche nel corso dei combattimenti a turni, sulla classica scacchiera esagonale, potremo osservare dei modelli poligonali di buona fattura e svariati effetti speciali legati alla messa in gioco di incantesimi e abilità. Inoltre, quando effettueremo un attacco particolarmente riuscito, la prospettiva cambierà, passando all’inquadratura di una breve animazione del combattimento, giusto per renderelo un po’ più avvincente e dinamico.

Ottimo anche il comparto sonoro, con musiche di accompagnamento suggestive che allietano il trascorrere del tempo, senza mai divenire troppo monotone e ripetitive. In Might & Magic Heroes VI sembra essere stata particolarmente curata la parte relativa ai dialoghi dei protagonisti. Si evidenzia, infatti, una piacevole nota ironica nei dialoghi tra il nostro eroe e la controparte orchesca, nostra improbabile quanto potente alleata. Ascoltare dunque la storia che si evolve è piacevole e non viene la tentazione di saltare i dialoghi per passare subito all’azione.

Might & Magic Heroes VI presenta un sistema, chiamato Conflux, che ci apparirà come una sorta di vortice, pensato per interagire con gli altri giocatori connessi online, legato anche all’utilizzo di Skype. Come spesso capita, il collegamento in rete presenta aspetti positivi (la possibilità di sfidare gli altri) e altri meno “corretti”, nei confronti di chi preferisce la sfida single player: ad esempio, per ottenere alcuni bonus in singolo, dovremo sbloccarli per forza gettandoci nel multiplayer. Così facendo, si rende, dunque, quasi d’obbligo una connessione in rete.

In conclusione, Might & Magic Heroes VI risulta piacevole sia in single player che nella sfida con altri giocatori online, anche se questa obbliga a prendere in considerazione i tempi di gioco degli sconosciuti avversari e, data la natura a turni, non è pensabile che venga affrontata a piccole e rapide dosi. Il multiplayer, comunque, non può che prolungare l’esperienza di gioco, dandoci la possibilità di confrontarci con “nemici” un po’ meno prevedibili, rispetto a quelli messi in campo dalla CPU. Certo, questo capitolo della dinastia di Might & Magic, pur mantenendo un impianto collaudatissimo, lascia intravedere diverse possibilità di miglioramento sotto molteplici aspetti (IA sbilanciata, su tutti). Non resta che aspettare la settima versione, allora… Rimane comunque consigliato agli amanti del genere ai nostalgici.

Overall Score 7,5
Grafica:8/10
Sonoro:8/10

Gameplay:7/10

– Piacevole sapore di antico – Una miriade di opzioni, oggetti e talenti

– La difficoltà a gestire con più tatticismo le battaglie – Un’IA troppo sbilanciata a favore della CPU

Piattaforma: PC
Genere: RPG Strategico a turni
Prodotto da: Ubisoft
Sviluppato da: Black Hole Entertainment
Distribuito da: Ubisoft Italia
N° Giocatori: 1-2 online
Note: Gioco e manuale in italiano